Vivere nel cuore di chi resta vuol dire non morire mai». Il monitor della camera mortuaria proietta le parole di chi ha conosciuto e amato Alessia Di Fabio la 17enne di Scafa vittima dello schianto di Alanno, nella notte tra domenica e lunedì.

Sacco in pelle scura, guantoni Everlast. Fasce azzurre da avvolgere strette intorno alle dita. E un sogno da rincorrere gancio dopo gancio, jab dopo un montante. Tutti i santi giorni. Almeno due ore al giorno, nella palestra di Luciano Di Giacomo sulle orme del fratello Alì già nel gotha del pugilato in virtù di un titolo nazionale conquistato qualche anno fa. Leon Hamza era all’inizio della parabola ascendente: la maggiore età gli aveva portato quello status di “atleta italiano” di cui non poteva avvalersi, per regolamento fino ai diciotto anni, nonostante fosse nato e cresciuto a Pescara.

Una vera e propria “geografia” del sesso a pagamento: non è solo quello si vede in strada, dai Grandi Alberghi a Francavilla, con decine di ragazze ogni sera a riempire i vicoli che danno a ridosso del lungomare. Il fenomeno non si limita neanche alle insegne dei night e dei centri massaggi orientali. Il quadro è ben più complesso. WEB-DOC: Schiavi e schiave del sesso in Abruzzo

Waves of immigration

«Fuggi luna, luna, luna. Se venissero gli zingari, farebbero con il tuo cuore collane e anelli bianchi». I versi di Federico García Lorca sono come pennellate su tela ruvida. Un viaggio visto dall’interno della cultura gitana, dal centro di Granada alle Grotte del Sacromonte, scandito a ritmo del Cante jondo. Perché determinati contesti socio culturali valorizzano la cultura rom, a partire dalle sfumature artistiche frutto del contatto tra civiltà diverse e del sincretismo fra culti religiosi. Senti parlare del flamenco e ti vengono in mente atmosfere di questo tipo. LA LUNA NEL LABIRINTO DI FEZ

PESCARA. Si è parlato per mesi di quella terribile domenica 28 luglio dello scorso anno, in cui un pullman, sfondando una barriera del tratto appenninico dell’A16, finì giù dal viadotto Acqualonga a Monteforte Irpino in Campania, causando la morte di 40 passeggeri. Se è vero che alcune perizie parlarono di problemi all’impianto frenante, è in fase di accertamento se alcune responsabilità siano o meno da imputare alla tenute delle barriere stesse.

L’Aquila Rugby dopo un solo anno nel campionato cadetto della Serie A, ritorna nel massimo campionato italiano guadagnandosi la promozione nella finale di Parma contro i Rugby Lyons Piacenza. Dopo aver battuto gli emiliani col bonus nelle due sfide della stagione regolare i neroverdi di capitan Zaffirisi sono imposti nuovamente sui bianconeri 28-18 in una gara combattuta e spettacolare davanti al pubblico del “XXV Aprile” equamente diviso tra bianconeri e neroverdi.

«Non vuoi andare a votare? Allora niente comunione». Detta così suona un po’ male, specie se a pronunciare queste parole è padre Giuseppe De Gennaro, un religioso notoriamente dalle vedute ampie. E, ieri, in effetti, i fedeli che ogni domenica frequentano l’Università della preghiera, in via di Madonna Fore, hanno ascoltato increduli questo monito, pronunciato durante l’omelia del mattino.