Non è facile mettersi in sala prove, settimana dopo settimana, in un momento in cui non si hanno prospettive certe sulla possibilità di suonare dal vivo. Fino ad ora, nonostante le restrizioni, sono diversi i locali che hanno deciso di

Doppio set per gli Yawp al Fashion cafè di Scoppito, sabato 16 ottobre (ore 20). All’apertura sulle sonorità alternative rock, si affiancherà un omaggio a brani più o meno noti della tradizione cantautoriale. La band è composta da Piero Pozzi

La Casa del Teatro in via Ficara (piazza d’Arti, L’Aquila) apre le porte all’alternative rock ospitando il concerto degli Yawp e dei Niutàun che proprio in questi spazi hanno provato – rigorosamente senza pubblico – nell’arco dei mesi invernali. Appuntamento

Il video che vedete è il risultato di un esperimento singolare andato “in scena” all’Aquila lo scorso 27 marzo, Giornata internazionale nel teatro all’interno di una struttura del capoluogo abruzzese. Non una performance, ma tutto quello che solitamente la accompagna,

Torniamo molto volentieri a parlare della band fondata da Piero Pozzi (batteria), insieme a Fabio Iuliano (chitarra e voce), Stefano Millimaggi (chitarra e voce), Alessandra Chiarelli (violino), Ilaria De Angelis (baile e percussioni), a cui si sono aggiunti prima Alain Jackson Bizimana e poi Myrko Krueger Young (basso) e, in alcune produzioni, Francesca Soledad Catenacci (voce).

La notte che ci avvolge, la notte che ci accoglie, la notte che ci attira e che ci spaventa. La notte dalle geometrie improbabili, la notte dove tante cose sono possibili, nel che ci fa paura, ma che è l’unico

Esce questo weekend il videoclip di Last Tango, una canzone concepita a fine anni Novanta da Fabrizio Dell’Isola e Fabio Iuliano. Una notte che è la prima e che può essere l’ultima. Geometrie improbabili a definire i movimenti di un

L’ultimo brano presentato dalla rassegna settimanale di Radio Terapia è Last Tango, un brano di fine anni novanta che gli Y.A.W.P. presentano nel fine settimana con un video clip a produzione Morra!. Si parla anche di S.o.s. spettacoli e del

“La bellezza del creato è l’entrata del labirinto. L’imprudente che vi entra, dopo pochi passi non sarà più capace di ritrovare l’uscita”. Le parole di Simone Weil cercano una via di uscita tra i vicoli di uno dei labirinti fisici e metaforici

Il viaggio della quinta puntata di “Ticket to ride” ci porta nel sogno e parte dal miglior hotel possibile dove sognare: l’Hotel California degli Eagles  (1976). Una canzone che racconta il fascino della West Coast e mette in discussione l’utopia del Sogno