Sbarca in Italia lo spettacolo “Il Gruffalò – A spasso col mostro”, tratto dal poema per bambini “The Gruffalo” della scrittrice e drammaturga inglese Julia Donaldson e illustrato da Axel Scheffler. Il libro, ora a teatro dunque, racconta la storia di un topo che passeggia nella foresta e incontra un mostro che appare come il frutto della sua invenzione. Il libro ha venduto oltre 13 milioni di copie e ha registrato anche una trasposizione cinematografica che ha ottenuto una nomination agli Oscar. Il nuovo musical, prodotto da Fondazione Aida Verona, Teatro stabile del Veneto e dal Centro Santa Chiara di

Anche l’Abruzzo protagonista del progetto “La Scuola in Tivù – Istruzione degli adulti”. La trasmissione in onda su Rai Scuola (canale 146) dal lunedì al venerdì alle 11. Un percorso didattico di 30 puntate organizzato su quattro assi culturali: matematico, storico-sociale, scientifico-tecnologico, linguistico (italiano e lingue straniere). Ventidue lezioni, una per ciascuna delle competenze previste dai percorsi di istruzione per gli adulti di primo livello, più altre 8 di approfondimento. Le 30 puntate sono rivolte agli adulti iscritti ai Centri provinciali di istruzione per adulti (Cpia) che sono quasi 230mila, di cui più di 13mila i detenuti che studiano nelle

Addio a John Peter Sloan, l’insegnante d’inglese più famoso nella Penisola, grazie al suo rapporto con i media e i social. La notizia della morte improvvisa si è diffusa molto velocemente nell’ambiente teatrale meneghino, dov’era molto ben voluto dai colleghi. A Milano arrivò nel 1990 per fare una serie di concerti con il suo gruppo rock di allora, e in zona Loreto aprì la sua prima scuola nel 2011. Prima di espandersi a Roma e Menfi, in provincia d’Agrigento, dove viveva da alcuni anni insieme alla sua compagna e dove, oltre a insegnare, con una fondazione si occupava di cani randagi.

Non ci sono parole se non “passione” per descrivere le tante iniziative e contributi dedicati alla Firenze-Faenza nella giornata del 23 maggio 2020, sabato nel quale si sarebbe dovuta correre la 48esima edizione della 100 km del Passatore, rinviata al 2021 causa pandemia Covid-19. Ben 1800 le persone che hanno intrapreso la “100 km di casa” per dare un segnale forte e chiaro dal “popolo della Cento”. Un mare di runner e appassionati tutti accomunati dal desiderio di condividere un evento universale, in grado di unire persone di ogni provenienza, ceto ed etnia, tutte accomunate dal grande senso di fratellanza

Fonte: Gazzetta.it – Proprio vero che la corsa ha mille risorse, forse più di qualsiasi altro sport. Pensiamoci bene: non si è mai parlato tanto di corsa come quando non si poteva tradurre le parole in fatti, cioè durante il lockdown. Ma anche lì i corridori, più che gli amanti di altre discipline, hanno tirato fuori gli artigli. Tapis roulant, scale del palazzo, giri (stile criceto) in giardino o negli spazi condominiali, terrazzi: tutto si è rivelato utile per sopperire alla corsa tradizionale e ai suoi benefici fisici e psicologici. Per non parlare dei famosi 200 metri consentiti attorno alla propria abitazione che

La musica come forma d’intrattenimento, la musica come forma di consapevolezza, ma la musica è anche qualcos’altro: una spinta per guardare avanti oltre l’ingiuria di questo tempo, oltre le contraddizioni del presente. La musica è anche un modo di r(E)sistere. Ogni settimana ci confronteremo con un protagonista dell’amblente musicale e cercheremo di capire come i suoi arrangiamenti, le sue varianti, le sue parole, le sue scelte, i suoi accordi, possono contribuire al racconto di questo presente e, soprattutto, alla possibilità di dare al presente una prospettiva diversa, alla possibilità di guardare oltre. Oggi parliamo di Giuseppe Continenza, ritenuto, secondo il parere di

Affrontare attraverso l’arte le fragilità legate a questo momento, così come fanno i bambini. Questo è lavoro di Roberta Di Maurizio, pittrice ritrattista nata nel 1976 ad Atri (Teramo). L’artista abruzzese ha sperimentato una gamma completa di tecniche nei vari anni di apprendistato grazie ai proficui dialoghi e sedute intercorsi con i pittori conosciuti. La pittrice, attualmente, ha visto crescere i propri collezionisti, ampliandosi le occasioni nelle quali è stato possibile osservare le sue opere in diverse mostre. Ha riscosso consensi di critica e di pubblico. Alcune sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Collabora al Premio Biennale Nazionale

Silenzio, perdono, semplicità. Tre parole su cui Simone Cristicchi e Matteo Pelliti hanno costruito il testo di “Ho sognato Celestino”. Un omaggio al papa eremita, ma anche agli eroi di questo tempo: medici, infermieri e personale sanitario, chiamati ieri, in una piccola delegazione, a condividere questo primo evento culturale pubblico della fase 2. Di fatto, la cerimonia promossa dal Comune dell’Aquila e prodotta dal Teatro Stabile d’Abruzzo ha segnato il primo momento pubblico di ripresa delle attività culturali dopo i mesi di lockdown, seppure con tutte le accortezze del caso. Prima dell’inizio dell’appuntamento il rettore della Basilica di Collemaggio, don

Dopo diverse settimane di trattative con il ministero dell’Interno, è stato firmato a Roma il protocollo di riapertura dei luoghi di culto prevista dal 18 maggio. Il premier Giuseppe Conte, alla presenza del ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, ha sottoscritto insieme alla Coreis, CII-Confederazione Islamica Italiana ed all’ Ucoii – Unione delle comunità e organizzazioni islamiche in Italia -, il documento relativo alla riapertura delle moschee, sempre a partire da lunedì 18. L’Ucoii ha, però, precisato che le Moschee, di fatto, riapriranno dopo l’Eid, ossia il 25 maggio. Al confronto col governo hanno partecipato tutti i rappresentanti delle comunità religiose presenti in Italia.