«I matti sono gli eccetera degli altri», scrive Mariaester Graziano nel suo libro intitolato “In nome del rosa” (Arkhé edizioni) che solo qualche giorno fa, insieme alla giovane attrice Diletta De Santis e alla fotografa Marianna Coccia (sue le foto

Suonare a lungo con le stesse persone, condividere la stessa esperienza live, dentro e fuori il palco, calibrare distorsioni e regolare continuamente il ritorno del monitor; e poi le sessioni in studio, col metronomo che sembra tradirti ogni volta che

Un giovane gambero pensò: – Perché nelle mia famiglia tutti camminano all’indietro? Voglio imparare a camminare in avanti, come le rane, e mi caschi la coda se non ci riesco. – Cominciò a esercitarsi di nascosto, tra i sassi del

di Fabio Iuliano – Ore 3.35: non trovo i pantaloni. Al buio, non trovo i pantaloni. I jeans che avevo addosso la sera prima devono essere ai piedi del letto. Sono sicuro di averli lasciati lì, ma non li trovo.

Aprire all'Aquila uno sportello "informa-giovani", una struttura dove smistare progetti e forza lavoro all'interno del microclima delle piccole e grande imprese. È questa una delle idee emerse nella serata conclusiva di "Onda di innovazione", il confronto periodico con l'economia del

Avresti mai immaginato una cyber vita dopo la morte terrena? Lo sviluppatore Henrique Jorge lo sta rendendo possibile attraverso la piattaforma Eter9, che riesce a memorizzare tutto ciò che fai all’interno della rete e a riprodurlo anche in modalità offline. Con Eter9 potrai condividere i

No, per me non è la stessa cosa. Non ce la faccio a mettere questi nuovi attentati in relazione con altri episodi simili capitati in altre parti del mondo. Sharm el Sheikh, Beirut, Ankara e via indietro fino alla terribile
La sfida Corsa – mountain bike – corsa. Tre giri da 1,1 chilometriciascuno, poi 15 chilometri sui pedali e ancora 2,2 chilometri di corsa a piedi. In mezzo le suggestioni del Castello cinquecentesco, simbolo della forza e dell’orgoglio di una

vai al blog amoreartesocialita@gmail.com La drammaticità e la sofferenza che stiamo vivendo come sfollati ora organizzati nei campi base distribuiti sul territorio dell’aquilano, ci ha indotto a riflettere sulla necessità di contribuire attivamente perchè torni a diffondersi tra noi la speranza