Gli attentati di Parigi e Bruxelles, più di altri, più di quello alla sede di Charlie Hebdo – avvenuto all’inizio del 2015 – più delle atroci decapitazioni sul web, hanno puntato l’attenzione sulla rapida ascesa del califfato che in poco

di Marcello Pagliaroli* – Retate delle forze dell’ordine, scontri tra immigrati, tensione con i residenti. Cosa succede nei campi e nei paesi del Fucino, dove la forza del settore agricolo si regge anche sulle spalle e le gambe di migliaia

Austerità, Troika, pressione fiscale. Sono in tanti a lamentarsi anche qui a Bruxelles. Forse un po’ il vento sta cambiando sotto l’effetto di qualche corrente greca. Forse

Un lavoro perso e poche speranze di «riciclarsi» in un’area già depressa prima del sisma. Due figli da aiutare a decollare, cercando di continuare a farlo col sorriso stampato sulle labbra, sempre e nonostante tutto. Senza un soldo in tasca

Sul parterre in erba, davanti al palco di San Giovanni tra fischietti, striscioni e bandiere della Cgil a contare le ferite dell’Abruzzo. Oltre 3mila le adesioni dalla nostra regione alla grande manifestazione nazionale della Cgil, in programma oggi a Roma.

Un cin cin dolce-amaro, per Gianluca Monaco e per gli amici venuti da tutta la Regione (un centinaio) per assistere all’ultimo giorno di apertura come bar. Protagonisti del rito sono stati un secchiello del tipo dell’Ice bucket, usato nei giorni

L’Aquila, l’insegnamento del fabbro Tonino D’Andrea: tenete alta la testa  Settantadue anni alle spalle e quasi mezzo secolo speso tra troncatrici, frese e presse. Antonio D’Andrea è stato, nel corso del tempo, uno dei punti i riferimento tra gli artigiani all’Aquila.

“Siamo un gruppo di cittadini aquilani che dopo la casa stanno perdendo anche il reddito a causa della mancanza di lavoro. Siamo entrati o stiamo entrando negli alloggi temporanei del progetto C.A.S.E. ma accadrà che non potremo viverci a lungo

Sul Forum di Crisis appaiono immagini davvero impressionanti da Parigi. Eccone qualcuna. Qualcuno, saggiamente, pianta la tenda sopra una ghiera da cui esce aria calda. Siamo a Montmartre. Questo è l’ostello più economico di Parigi. Si dorme con 15 euro