>Per dirla con le parole di Paolo Rumiz, la responsabilità dei narratori in periodi controverso come quello che viviamo “è enorme: devono offrire visione, prospettiva, consapevolezza, speranza. Ma non una speranza astratta, beota. No, quella vera, che nasce dal suo