IN BICI VERSO IL CAPANNO GARIBALDI
26 luglio 2018 Condividi

IN BICI VERSO IL CAPANNO GARIBALDI

“Nelle stesse valli ove trovò rifugio e aiuto Giuseppe Garibaldi, nel 1849, trovarono riparo, quasi cento anni più tardi, nel 1944, tanti giovani che cercavano scampo dai nazifascisti. Giovani che al prezzo della vita contribuirono al riscatto dell’Italia che usciva da una guerra e da una dittatura rovinose”. (Scritto sulla vecchia lapide a ridosso del Capanno Garibaldi).

Pedalando verso la marina di Ravenna, a sinistra ti godi lo scenario del parco del Delta che circonda il capanno Garibaldi. A destra, è meglio far finta di non vedere gli stabilimenti industriali Enel, Italcementi, Silbelco, Marcegaglia che si affacciano sul canale. Quasi una realtà dai contorni tratteggiati da una mente bipolare. Come la storia della nostra gente.