In tutte le chiese francescane viene celebrato, la vigilia della festa del patrono d’Italia, la commemorazione del “Transito”, cioè il passaggio da questo mondo alla vita eterna. Un appuntamento che anche quest’anno coinvolge non solo religiosi e fedeli, ma anche lavoratori,

L’immagine più bella che ho di questi giorni in Germania… questa partita a basket tra ragazze di varie etnie. La risposta sul campo a tutti i muri d’Europa

Le sue parole hanno scandito le tappe della ricostruzione, dalla solidarietà delle prime ore alle bordate contro chi del terremoto ha fatto un’occasione di profitto, dentro o fuori le organizzazioni criminali. E ieri, don Luigi Ciotti è tornato all’Aquila ospite

In viaggio, per sentirsi a casa: quali sono i colori del mondo? Una semplice domanda e centinaia di chilometri da percorrere per rispondere, armati di macchina fotografica, taccuino e telecamera. Il viaggio è quello della Comunità “24 luglio” sulle strade

 La plenaria di Strasburgo costituisce un osservatorio importante, una finestra su uno scenario internazionale in continua evoluzione. Gli scenari economici internazionali, i flussi migratori, così come i fronti caldi dalla Turchia al Venezuela sono al centro del dibattito. L’Unione europea

Guardare oltre i confini: Quando si parla del problema dei rifugiati, usiamo un linguaggio disumanizzante, che riduce la tragedia umana a numeri e statistiche. Ma dietro questa sofferenza ci sono persone reali, che – proprio come noi – hanno famiglie,

Viaggiando da Casablanca verso Marrakech, parte finale del percorso sulla rotta dei braccianti che dal Fucino fanno ritorno a casa, superiamo El Borouj e Cala e i monti dell’Atlante appaiono sullo sfondo. L’arrivo è proiettato nella incredibile piazza di Jamaa el Fna

Tra i vicoli della Medina, in un angolo anonimo che lambisce la grande moschea, spunta una sagoma ben nota: Piero Pelù sta girando bazar e chioschetti provando abiti e accessori per la moto. Non è molto in vena di chiacchiere

Due giorni e mezzo di viaggio verso Marrakech, 60 ore di cui 46 in un mezzo vecchio e freddo dove la notte puoi solo sperare che ti venga sonno, visto che le luci vengono spente per tutti. Le fermate programmate

«La nostra terra è la nostra madre e l’Italia la nostra moglie. Una moglie la scegli, ma la mamma è sempre la mamma: nessuno ti vuole bene come la mamma». Hassan El Aatmani si prepara a tornare a casa. Chiuderà