Giovani modelle scaldano l’atmosfera di piazza San Filippo all’Aquila. Sui gradoni del teatro giovani figuranti hanno alternato abiti “civili” a capi per il matrimonio. Una passarella di due ore davanti a centinaia di persone, su sonorità latine come “Besame Mucho” nella versione di Lisa Ono. Il tutto condito dalla voce evergreen dello speaker radiofonico Vanni Biordi. Nella serata, animata dai ritmi del dj Marco Carosone, si sono esibiti anche alcuni gruppi di sbandieratori e della danza moderna, tra cui il gruppo Metropolis, insieme ai musicisti Simone e Cinzia. Guarda il video di Fabio Iuliano

L’Aquila si riscopre di notte. Oltre alla rubrica Notte e giorno del Quotidiano il Centro, anche il Capoluogo ha deciso di dedicare una gallery on line alla vita notturna con foto di Fabio Iuliano Si chiama Nighlife  ecco qualche esempio…

            di Fabio Iuliano  L’AQUILA. La provincia dell’Aquila è solo 69ª alle «Olimpiadi delle province», la speciale classifica del Sole 24 Ore che ha elaborato graduatorie tematiche per l’attività sportiva in Italia. Non solo squadre, società sportive, tesserati, ma anche scudetti, risultati e performance individuali, confluiscono nel calderone della promozione sportiva che vede la provincia dell’Aquila entrare tra le migliori solo per quanto concerne il numero e la qualità delle palestre.

di Fabio Iuliano L’AQUILA. Con cinque partite del torneo di calcio, L’Aquila mette al sicuro la sua parte nella kermesse dei Giochi del Mediterraneo. A un anno dalla cerimonia di apertura, il programma ufficioso della manifestazione conferma l’inclusione dello stadio di Acquasanta nell’elenco delle sedi ufficiali di Pescara 2009. I lavori per rendere la struttura fruibile partiranno già nei prossimi mesi.

L’AQUILA. Esibizioni di danza e ginnastica, combattimenti, simulazioni di tiro, ma anche dimostrazioni di atletica, corsa, calcio. Tutto questo e molto altro per la “Giornata nazionale dello Sport”, che si è svolta ieri in città, in contemporanea nazionale. Giunta alla 5ª edizione, la manifestazione è stata istituita dal Coni per diffondere la pratica sportiva. Guarda la fotogallery

di Fabio Iuliano L’AQUILA. Svuotano locali, cantine, ma anche magazzini industriali, riciclando tutto quello che  si può riciclare per rivenderlo e abbandonando il resto dove capita. Un business che sembra essere alla base di numerose discariche abusive. Negli ultimi mesi l’Asm è intervenuta su decine di siti dove regolarmente vengono scaricati all’aria aperta rifiuti ingombranti e inquinanti.  Le strade di collegamento tra le frazioni e le periferie cittadine sono il bersaglio principale di assemblamenti di pneumatici, elettrodomestici, amianto ed eternit. Uno spettacolo che interessa praticamente tutte le circoscrizioni cittadine.

 di  Fabio Iuliano    L’AQUILA. Un’intera strada trasformata da anni in una discarica a cielo aperto, nei dintorni dell’ospedale San Salvatore. Si tratta di via Capitignano che attraversa la zona che da Pettino guarda verso il presidio ospedaliero. Tonnellate di rifiuti, prevalentemente ad uso domestico, restano abbandonate da mesi, ai lati della strada ancora non asfaltata.  

Di passaggio a Bruxelles per negoziare un importante contratto di sponsorizzazione con la società Gerflor, l’assessore della Fisu Sinisa Jasnic, vicepresidente del comitato organizzatore dell’Universiade estiva del 2009 a Belgrado e direttore generale della società “UB 2009”, ha rilasciato un’intervista a un reporter del Magazine della Fisu, per presentare l’evento. Durante serata offerta dal vostro Comitato candidato, durante i giochi di  Innsbruck 2005 (immediatamente dopo l’assegnazione dell’Universiade 2009 a Belgrado), davanti alla “famiglia Fisu” al gran completo, lei parlò di un sogno realizzato. Questo sentimento è rimasto invariato? (rif. Fisu Magazine n.68 pag. 90)    

GHERARDO COLOMBO ALL’AQUILA. di Lisa D’Ignazio * L’AQUILA. Ai due incontri cittadini, organizzati dal circolo Querencia, Gherardo Colombo ha parlato dell’Italia come di unna nazione della scorciatoia, della corruzione, del clientelismo dove sono concentrati i comportamenti deviati rispetto alle negli ambiti più disparati: dal medico che rilascia certificati in cambio di qualche fabore all’arbitro che accetta dietro pagamento di non vedere alcune scorrettezze; dal salumiere che regala prosciutti per non avere sanzioni, dal vigile al politico che paga tangenti per favoritismi e voti.