Tpi: le conseguenze della chiusura dei porti
3 luglio 2018 Condividi

Tpi: le conseguenze della chiusura dei porti

Sono quasi mille i migranti e rifugiati morti nel Mediterraneo dall’inizio dell’anno. Secondo gli ultimi dati resi noti a Ginevra dall’Oim, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, dal primo gennaio 2018 al 27 giugno scorso, 972 uomini, donne e bambini hanno perso la vita mentre tentavano di raggiungere l’Europa via mare. Di questi 653 sono deceduti sulla rotta del Mediterraneo centrale tra l’Africa del nord e l’Italia. Un bilancio destinato ad aggravarsi, con l’ultimo naufragio al largo della Libia. Qui l’intervista al ministro Toninelli “Non ho mai ordinato alla Guardia Costiera di non intervenire in mare, le Ong fanno disinformazione”.

Cosa emerge:

  • Circa 1.000 persone sono morte
    10.000 persone sono state riportate nei centri di detenzione in Libia
    204 sono morte nell’ultima settimana (25 giugno-1 luglio), tra cui 3 bambini.
    Domenica 1 luglio, un piccolo gommone pieno di migranti si è capovolto al largo di AlKhums, a est di Tripoli, con circa 41 sopravvissuti dopo il salvataggio.

Circa 100 persone sono state dichiarate disperse dalla Guardia costiera libica.
Venerdì 28 giugno, tre bambini erano tra i 103 morti in un naufragio simile all’incidente di domenica, causato anche dai contrabbandieri che portavano i migranti in mare in navi completamente pericolose. Finora quest’anno, la Guardia costiera libica ha restituito circa 10mila persone a terra da piccole imbarcazioni.

“Sono di nuovo in viaggio a Tripoli questa settimana e vedrò in prima persona le condizioni dei migranti che sono stati salvati e quelli che sono tornati a riva dalla Guardia costiera della Libia”, ha detto William Lacy Swing, Direttore Generale dell’IOM.

“L’Iom è determinato a garantire che i diritti umani di tutti i migranti siano rispettati, poiché tutti insieme facciamo tutti gli sforzi per fermare il contrabbando di persone, che è così sfruttatore di migranti”, ha detto Swing.

Dal venerdì 28 giugno a domenica 1 luglio, circa 1.000 migranti sono stati rimandati in costa libica dalla guardia costiera libica, che ha intercettato le piccole imbarcazioni mentre si dirigevano verso il mare aperto.

Dopo lo sbarco a terra, i migranti hanno ricevuto assistenza diretta di emergenza, compresi cibo e acqua, assistenza sanitaria e il personale di protezione dell’Iom ha fornito interviste sulla vulnerabilità. Quelli salvati e restituiti dalla Guardia costiera libica vengono trasferiti dalle autorità libiche ai centri di detenzione dove l’Iom continua l’assistenza umanitaria.

“Vi è un aumento allarmante delle morti in mare al largo della costa libica”, ha detto il capo della missione della Iom Libia Othman Belbeisi, aggiungendo: “I trafficanti sfruttano la disperazione dei migranti per andarsene prima che ci siano ulteriori repressioni sulle rotte del Mediterraneo da parte dell’Europa”.

“I migranti rimpatriati dalla guardia costiera non dovrebbero essere automaticamente trasferiti in detenzione e siamo profondamente preoccupati che i centri di detenzione saranno ancora sovraffollati e che le condizioni di vita si deterioreranno con il recente afflusso di migranti”, ha aggiunto Belbeisi.

Fonte: Tpi