L’Aquila, Happy B-Day Spazio rimediato
9 settembre 2017 Condividi

L’Aquila, Happy B-Day Spazio rimediato

Sabato 16 settembre “Spazio rimediato”, uno dei pochi punti di riferimento culturali nel centro storico ha festeggiato un anno di vita con un aperitivo in musica nella sede di via Fontesecco. Lo Spazio si è sviluppato grazie alla sinergia fra due realtà esistenti, l’associazione culturale “Ricordo” e l’associazione culturale “Est-Est”, che fanno capo a Luca Serani, Giuseppe Tomei e Simone Angelozzi. La struttura ha ospitato numerosissime attività culturali. Anche quest’anno, verranno riproposti corsi di teatro (bambini, adolescenti adulti), chitarra elettrica, disegno e pittura, ripresa e montaggio cinematografico, scrittura creativa e sceneggiatura, fotografia e cartomagia.

.

Tra i docenti Luigi Tarquini (Metrò), Valentina Pastorino, Eleonora Nascimbe, Alberto Di Muzio, Patrizio Migliarini, Lorenzo Scataglini oltre agli stessi Serani e Tomei. I corsi sono rivolti anche agli studenti delle scuole superiori nell’ambito del programma di alternanza scuola famiglia. L’obiettivo principale dei corsi teatrali è quello di favorire nuove forme di comunicazione, partendo dall’aspetto ludico delle arti stceniche per arrivare alla costruzione di personaggi e situazioni. Si pensa a un percorso che parte dalle basi della recitazione fino ad arrivare le tante forme di espressione proprie della vita di tutti i giorni.

62_af290d5c4d5323c9f4f78fc7c2b083dfSi cerca, di fatto, di rappresentare una nuova realtà, superando gli stereotipi e reinventando «le maschere quotidiane” a favore della creazione di maschere “inedite”. Proposte che si inseriscono nella piattaforma creativa di una struttura nata per «concretizzare un crocevia di idee ed iniziative e sviluppare uno spazio di produzione, formazione e incontro adeguato a tutte le fasce di età», creando un luogo in cui è possibile «condividere esperienze culturali nella consapevolezza che tutto ciò che apparentemente è considerato superfluo è in realtà un bisogno fondamentale».

Una realtà tutt’altro che scontata nel nostro contesto metropolitano. Una delle cose che rende particolare l’allestimento è la sala spettacolo da 50 posti, con tanto di quinte e cabina regia. Tra gli ospiti della festa la band Yawp.

Fonte: il Centro