Terremoto: uno zaino per l’emergenza
3 novembre 2016 Condividi

Terremoto: uno zaino per l’emergenza

Copie dei documenti, accendini, kit di pronto soccorso e cibi a lunga conservazione come cioccolato e gallette. Se si deve essere pronti ad abbandonare la casa in pochissimo tempo, e non si sa cosa si va a trovare e cosa ci si lascia alle spalle, è importante avere una serie di cose pronte all’uso per superare l’impatto delle prime ore dopo un evento catastrofico, si tratti di un alluvione o di un sisma.

Così, la Commissione europea, prendendo spunto dalle indicazioni della Fema (Agenzia federale della protezione civile) ha stilato una lista di accessori da inserire in uno zaino da avere sempre vicino alla porta di ingresso. Gli zaini, viene suggerito, dovranno essere uno per ogni componente del nucleo familiare. In collaborazione con la federazione internazionale della Croce Rossa è stata realizzata una infografica che tiene conto delle venti cose che devono essere sempre presenti in uno zaino di questo tipo, così come spiegato dal sito www.emergency-live.com, portale specializzato nella gestione dei disastri. Viene suggerito di portare del denaro contante (anche 100 euro sono sufficienti), così come è importante avere delle mappe dei luoghi circostanti; non è detto infatti che i luoghi dopo un terremoto siano facilmente riconoscibili. Ogni zaino dovrà contenere almeno un litro d’acqua potabile e una torcia a batterie (o ricaricabile).

zaino_di_emergenza-725x1024

È bene inserire anche del materiale per la sanificazione e l’igiene personale (gel disinfettante, sapone e un asciugamano). Tra i frutti da prediligere ci sono le mele, perché si deteriorano più lentamente. Fondamentale avere a portata di mano medicine generiche, così come una copia delle ricette per chi prende farmaci particolari, come la cardioaspirina. Importante non trascurare il materiale elettrico, prendendo batterie di riserva, così come una radio portatile per essere aggiornati su comunicazioni alla popolazione. Il piano di emergenza o di evacuazione dovrebbe essere sempre a portata di mano, insieme a un blocknotes con i numeri utili. Infine, è importante mettere nello zaino un telefono cellulare con caricabatteria a celle solari.

di Fabio Iuliano – fonte: il Centro