Musica, colore e passione: Bollywood sbarca nell’Aquilano
2 ottobre 2016 Condividi

Musica, colore e passione: Bollywood sbarca nell’Aquilano

Sari coloratissimi, macchine da presa, fotocamere e oggetti rituali. Una festa di suoni e colori che porta “Bollywood” in alcuni borghi e castelli del nostro comprensorio, tra Capestrano, Caporciano e Rocca Calascio, scenari inediti per una produzione di questo tipo. Un’occasione importante che potrebbe aprire il territorio abruzzese a nuove finestre di pubblico.

Ma andiamo per ordine, spiegando innanzitutto di cosa si parla: musica, colore e passione, questo è il cinema di Bollywood, almeno così come è stato recepito dalla cultura occidentale. In realtà, questa non è altro che l’evoluzione di un genere ben strutturato. Il cinema in lingua hindi nasce un secolo fa, come prodotto interculturale del periodo coloniale. Ogni anno, vengono girati nel mondo centinaia di film e spesso le produzioni sbarcano in Italia alla ricerca delle condizioni migliori.

Alcuni attori durante una pausa delle...
Alcuni attori durante una pausa delle riprese del film

 Il film che si sta girando in questi giorni – sabato 1 ottobre sono terminate le riprese nell’Aquilano – si intitola “Sarabha” ed è prodotto dalla della Aks Enternainment, casa di produzione indiana con sede a Dubai. Parliamo di una bella storia che si sviluppa in una terra sospesa tra spiriti maligni e incantesimi di magia bianca. Sullo sfondo, c’è Narasimha figura mitologica della religione induista metà uomo e metà leone. Si tratta di una delle evoluzioni di Vishnu, una delle più importanti divinità maschili. Al centro della vicenda il signor Karthavarayudu, proprietario di una tenuta agricola insieme a sua moglie Parvathamma. Quest’ultima riceve in sogno l’apparizione di Narasimha che le annuncia che sarà presto madre di un bambino chiamato Sarabha (da qui il titolo del film) che riempirà di gioia la coppia.

Il regista Narasimha Rao Nukala e uno...

Il regista Narasimha Rao Nukala e uno degli attori

I due si sentono pertanto in dovere di realizzare un tempio dedicato a Narasimha all’interno della tenuta, ma il progetto deve fare i conti con le intenzioni del perfido capo villaggio Appa Rao che invece è un esperto di magia nera. Si apre così uno scontro violento in cui sia Karthavarayudu, sia il capo villaggio vengono uccisi. La nascita di Sarabha restituirà comunque un po’ di serenità a Parvathamma. La storia va avanti e Sarabha cresce e conosce la bellissima Divya. All’inizio sembrano un po’ “Tom e Jerry”, ma poi le cose vanno meglio e tra di loro cresce un amore che li porterà ad affrontare qualsiasi sfida.

La regia è a cura di Narasimha Rao Nukala e della troupe fanno parte circa di circa 30 unità, compresi i protagonisti del film Aakash Sehdev e Indrani Chakrborty, il produttore esecutivo Ali Sajjad, il responsabile dei rapporti internazionali Prabhakar Rao e il capo operatore, italiano, Sebastiano Malpasso. Tra i collaboratori anche Francesca Cassiani. A loro si sono aggiunte nove comparse locali: Lorenzo Rosa, Mattia Tudico, Simone Feneziani, Francesco Fardello, Alexandro Puscaso, Giordano Mazzocchi, Mattia Di Girolamo, Christopher Di Gasbarro, Simone Coccia Colaiuta, il fidanzato della senatrice Stefania Pezzopane. Le comparse sono state trovate a tempo record grazie anche al sostegno dell’associazione “L’Aquila Young” di Marcello Di Giacomo. Il film prevede scene girate anche in Campania, Veneto e Valle d’Aosta.

di Fabio Iuliano – fonte: il Centro