24 aprile 2009 Condividi

STORIE DALL’AQUILA CHE RINASCE /5

Basteranno 18 mesi per realizzare il nuovo campus universitario, ubicato su una superficie di circa 20 mila metri quadrati (di cui 11 mila utilizzabili per la costruzione) proprietà della Cassa di Risparmio dell’Aquila. La struttura, da costruire in zona Cansatessa, sarà composta da tre palazzine da quattro piani l’una che ospiteranno aule e uffici accademici e costituiranno un punto di riferimento per tutto il polo universitario di Coppito che è situato a poche centinaia di metri di distanza.

Da definire le destinazioni finali delle aule delle palazzine. «Non ci siamo mai fermati – ha commentato il rettore dell’Aquila, Ferdinando di Orio, nella conferenza di presentazione alla sede Carispaq – All’indomani del tremendo terremoto del 6 aprile abbiamo preso atto della distruzione di palazzo Carli, la nostra antica sede centrale, e ci siamo trasferiti in un blocco a Coppito. Abbiamo creato una struttura provvisoria recuperando i computer centrali nel nostro centro di calcolo, anche contro il parere della Protezione Civile».

Sono drammatici, secondo il rettore, i dati di agibilità delle strutture universitarie. «L’università è agibile attualmente solo per il 20% delle strutture – ha detto – per questo motivo abbiamo accolto a braccia aperte l’intervento di aiuto della Cassa di Risparmio».